Cristina Tomassetti, Barbara E. Barich, Giulio Lucarini, Il deserto dipinto. Salvaguardia e restauro delle Grotte di Wadi Sura, Gilf el Kebir, Egitto · ISMEO
18558
single,single-post,postid-18558,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Cristina Tomassetti, Barbara E. Barich, Giulio Lucarini, Il deserto dipinto. Salvaguardia e restauro delle Grotte di Wadi Sura, Gilf el Kebir, Egitto

Giovedì 11 aprile, ore 16.30, Palazzo Baleani, Sala Spinelli, C.so Vittorio Emanuele II, 244 - Roma

Cristina Tomassetti, Barbara E. Barich, Giulio Lucarini, Il deserto dipinto. Salvaguardia e restauro delle Grotte di Wadi Sura, Gilf el Kebir, Egitto

Locandina 11 aprile

_____________

Missioni Archeologiche e Progetti di Ricerca – Ciclo di Conferenze 2019

Cristina Tomassetti, Barbara E. Barich, Giulio LucariniIl deserto dipinto. Salvaguardia e restauro delle Grotte di Wadi Sura, Gilf el Kebir, Egitto

Giovedì 11 aprile, ore 16.30, Palazzo Baleani, Sala Spinelli

La conferenza descrive il programma che la Missione Italiana a Farafra – Deserto Occidentale Egiziano, ha svolto tra il 2010 e il 2013 con interventi nelle grotte di Wadi Sura nel Gilf el Kebir, nel quadro del Programma di Cooperazione Italo-Egiziano per la creazione del “Gilf Kebir National Park”. Le grotte decorate di questa regione sono un prezioso documento del mondo simbolico dei gruppi umani che tra 6000 e 4000 a.C. si sono spostati tra Sahara e Valle del Nilo, svolgendo un ruolo chiave nello sviluppo delle prime società pastorali nordafricane. Il programma italo-egiziano di conservazione e restauro rappresenta un progetto pilota, uno dei primi ad utilizzare tecniche sofisticate di intervento diretto sulle opere di arte rupestre preistorica.

Print Friendly