Massimo Vidale, I tesori in clorite di Jiroft, una chiave per la scoperta dell’antica civiltà di Marhashi, Iran · ISMEO
18540
single,single-post,postid-18540,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Massimo Vidale, I tesori in clorite di Jiroft, una chiave per la scoperta dell’antica civiltà di Marhashi, Iran

Giovedì 4 Aprile, ore 16.30, Palazzo Baleani, Sala Spinelli, C.so Vittorio Emanuele II, 244 - Roma

Massimo Vidale, I tesori in clorite di Jiroft, una chiave per la scoperta dell’antica civiltà di Marhashi, Iran

Locandina Vidale 4 aprile

_____________

Missioni Archeologiche e Progetti di Ricerca – Ciclo di Conferenze 2019

 Massimo VidaleI tesori in clorite di Jiroft, una chiave per la scoperta dell’antica civiltà di Marhashi, Iran

Giovedì 4 aprile, ore 16.30, Palazzo Baleani, Sala Spinelli

• • •

Nel 2001, dopo dieci anni di siccità assoluta, il fiume Halil (Jiroft, Kerman, Iran sudorientale) entrò in una disastrosa piena, allagando l’intera valle e rompendo i suoi vecchi argini. Vennero così in luce le ricche necropoli di quella che oggi chiamiamo Civiltà dell’Halil Rud, sino ad allora totalmente sconosciuta. Oggi questa civiltà viene identificata con quella dell’antico paese di Marhashi, la polity dell’Altopiano Iranico più insistentemente citata dai testi cuneiformi sumerici ed akkadici – che si sta rivelando come una super-potenza dell’età del Bronzo tra quarto e terzo millennio a.C. I manufatti più elaborati dal punto di vista figurativo sono una vasta e diversificata classe di vasi, statuette ed altri manufatti in clorite, spesso intarsiati con pietre semipreziose. Possiamo tentare di leggere queste antiche, intricate immagini? E cosa ci possono rivelare delle nostre stesse radici culturali?

Print Friendly