Archaeological Mission to South Caucasus · ISMEO
18356
single,single-portfolio_page,postid-18356,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Archaeological Mission to South Caucasus

Archaeological Mission to South Caucasus

La “Missione Archeologica nel Caucaso Meridionale” nasce nel 2018. Il progetto è diretto da Roberto Dan (ISMEO) e include al suo interno tre differenti missioni in tre distinte regioni geografiche, tra Armenia e Georgia. In Armenia sono in corso di svolgimento due progetti: il Kotayk Survey Project(KSP 2013-2018) con la co-direzione di Artur Petrosyan (IAE NAS RA), che prevede la ricognizione della regione del Kotayk e lo scavo archeologico della fortezza di Solak 1; il Vayots Dzor Project(VDP 2016-2018) con la co-direzione di Boris Gasparyan (IAE NAS RA), che prevede attività di ricerca, ricognizione e scavi nella regione del Vayots Dzor. In Georgia è attivo il Samtskhe-Javakheti Project(SKJ 2017-2018), progetto di ricognizione del Samtskhe-Javakheti, con la co-direzione di Vakhtang Licheli (AAG). L’elemento che accomuna le differenti missioni è lo studio della presenza dello stato di Urartu (IX-VII secolo a.C.) nelle tre distinte regioni oggetto di investigazione. Gli elementi al centro delle indagini sono: lo studio delle comunità del tardo Bronzo/prima Età del Ferro (XII-IX sec. a.C.), al fine di comprendere le caratteristiche delle popolazioni che costituirono il sostrato culturale con cui interagì e su cui si sviluppò lo stato di Urartu; lo studio della nascita dello stato, delle modalità di occupazione del territorio e del rapporto tra uno stato dai caratteri pienamente compiuti come fu Urartu (IX-VII sec. a.C.) – la prima entità statale di tutto il Caucaso Meridionale – e le comunità locali; l’indagine della fase post-Urartea (fine VII-IV sec. a.C.), periodo che segue la scomparsa di Urartu e la nascita delle prime dinastie locali Armene fino all’epoca Achemenide.

Direttore: Roberto Dan, Artur Petrosyan, Boris Gasparyan, Vakhtang Licheli
Nazione: Armenia e Georgia
Periodo: 2018
Fig. 1. KSP. Veduta della struttura urartea presso Solak 1 (Armenia) vista da sud-ovest.
KSP. Veduta della struttura urartea presso Solak 1 (Armenia) vista da sud-ovest. // KSP. General view of the urartian building in Solak 1 (Armenia) seen from south-west.
KSP. Veduta della struttura urartea presso Solak 1 (Armenia) vista da sud-ovest.

KSP. General view of the urartian building in Solak 1 (Armenia) seen from south-west.
VDP. Veduta generale del sito cultuale/necropoli presso la rupe di Yelpin 1 (Armenia) vista da sud-ovest. // VDP. General view of the cultic/necropolis site of Yelpin 1 (Armenia) seen from south-west.
VDP. Veduta generale del sito cultuale/necropoli presso la rupe di Yelpin 1 (Armenia) vista da sud-ovest.

VDP. General view of the cultic/necropolis site of Yelpin 1 (Armenia) seen from south-west.
VDP. Veduta generale della gola di Noravank con, in primo piano, il sito archeologico di Gnishikadzor, visto da nord-est. // VDP. General view of the Noravank gorge with, on the foreground, the site of Gnishikadzor, seen from north-east.
VDP. Veduta generale della gola di Noravank con, in primo piano, il sito archeologico di Gnishikadzor, visto da nord-est.

VDP. General view of the Noravank gorge with, on the foreground, the site of Gnishikadzor, seen from north-east.
SKJ. La fortezza di Abuli (Georgia) vista aerea da sud-ovest. // SKJ. The fortress of Abuli (Georgia) aerial view from south-west.
SKJ. La fortezza di Abuli (Georgia) vista aerea da sud-ovest.

SKJ. The fortress of Abuli (Georgia) aerial view from south-west.
SKJ. Il piccolo forte di Didi Khanchali (Georgia), vista aerea da sud. // SKJ. The small fort of Didi Khanchali (Georgia), aerial view from south.
SKJ. Il piccolo forte di Didi Khanchali (Georgia), vista aerea da sud.

SKJ. The small fort of Didi Khanchali (Georgia), aerial view from south. 

(ENG)

The Archaeological Mission to South Caucasus (AMSC) was constituted in 2018. The project is directed by Roberto Dan (ISMEO) and includes within it three different missions in three distinct geographical regions in Armenia and Georgia. Two projects are underway in Armenia: the KOTAYK SURVEY PROJECT (KSP 2013-2018), co-directed by Artur Petrosyan (IAE NAS RA), which comprises survey work in the Kotayk region and the archaeological excavation of the Solak 1 fortress; the VAYOTS DZOR PROJECT (VDP 2016-2018), co-directed by Boris Gasparyan (IAE NAS RA), which includes research, reconnaissance and excavation activities in the Vayots Dzor region. In Georgia there is the SAMTSKHE-JAVAKHETI PROJECT (SKJ 2017-2018), a reconnaissance project of the Samtskhe-Javakheti region, co-directed by Vakhtang Licheli (AAG). The missions all involve the study of the presence of the of Urartian State (9th– 7thcentury BC) in the three distinct regions under investigation. The main focus of the project is on: (1) the study of the late Bronze/early Iron Age communities (12th– 9thcentury BC), in order to understand the cultural characteristics of the local populations that constituted the indigenous traditions with which the state of Urartu interacted and from which it developed; (2) the study of the birth of the state, the ways in which the territory was occupied and the relationship between a fully accomplished state like Urartu (9th– 7thcentury BC) – the first state to appear in all of the southern Caucasus – and the local communities; (3) the investigation of the so-called post-Urartian phase (late 7th– 4thcenturies BC), which followed the disappearance of Urartu and saw the birth of the first local Armenian dynasties, up until the Achaemenid era.

Print Friendly